Tags

Related Posts

Share This

Smettiamola di dire che la tecnologia causa l’isolamento sociale.

In un gruppo di amici molti controllano i propri smartphone, mentre sono insieme. Tutti in metro, sono con gli occhi fissi sugli schermi dei loro apparecchi tecnologici. Una coppia che va a dormire insieme, va a letto con i loro iPhones tra le mani. Le persone tengono alti in aria i loro smartphones, per scattare foto di un concerto. Potrei proseguire ancora. La tecnologia, in particolare, gli smartphone, stanno rovinando la societa odierna, rendendoci piu disconnessi dagli altri, permettendoci di interagire con i nostri dispositivi tecnologici invece di farci interagire tra di noi…

1*1CyiFvIj09pgmbQvbKlg1Q

 

… In conclusione, penso che si debba smettere di pensare che la tecnologia stia rovinando tutto, rendendoci schiavi di essa, irragionevolmente utilizzando i nostri smartphones tutto il tempo. Sta rendendo le nostre vite migliori, connettendoci alle persone a cui teniamo di piu, indipendentemente dalla distanza alla quale esse si trovano rispetto a noi, collegandoci potenzialmente a tutti i tipi di persone che non avremmo potuto conoscere senza di essa. Quindi smettila di sentirti superiore alle altre persone che usano i loro smartphones, smettila di dire che la nostra vita sarebbe migliore senza la tecnologia, smettila di incolpare la tecnologia per cose dovute a comportamenti umani naturali. Se vedi un immagine come questa che ho allegato qui, e nella quale quello che gli altri cercano di mostrare è come noi “stiamo lasciando alla tecnologia la facolta di distruggere le nostre interazioni sociali e le nostre esperienze”, fermati e rifletti sul perchè le persone usano i loro dispositivi digitali. Inoltre, basta santificare il passato, pensando che la vita fosse migliore prima di tutta questa dilagante tecnologia, vista come una sorta di “neo-luddismo”. La tecnologia è positiva. Ci permette di collegarci in modo fantastico. Non sta sostituendo la nostra interazione. La sta aumentando, Abbracciala.

 

[link]

traduzione a cura di Diego Mariani

Please like & share: